La sinistra parla di familismo della destra? Come il bue che chiama cornuto l'asino - Il Sovranista.com

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

giovedì 14 settembre 2023

La sinistra parla di familismo della destra? Come il bue che chiama cornuto l'asino

 di Stefano Zurlo

Fonte Il Giornale 


Parentopoli e dintorni. La memoria è una miccia corta, ma la sinistra frulla nomi e discendenze, pizzicando le corde evergreen dell’indignazione.

 

(…)

 

Il tema è di quelli che colpiscono l’opinione pubblica e infatti ruotando l’emiciclo della politica italiana si trovano assonanze e armonie, esattamente come quelle stigmatizzate oggi.

Se non di più. Intrecci di mogli, fidanzate, compagne in una girandola di ruoli e medaglie all’ombra di questo o quel potente. Situazioni diverse ma che fanno mucchio. Perché gli spigoli, anche se si ammorbidiscono, restano spigoli.

 

di biase franceschiniDI BIASE FRANCESCHINI

Così nell’estate di otto anni fa il governatore della Puglia Michele Emiliano si infila dritto nel turbine, promuovendo sua portavoce la sua compagna Elena Laterza. Inevitabile la bagarre, ma lui tiene il punto: «È una scelta conforme alle regole di legge e fondata su un curriculum ineccepibile». La parola opportunità evidentemente non rientra nel vocabolario di Emiliano. Ma se da Bari ci spostiamo a Napoli, allora ci troviamo al cospetto della saga dei De Luca.

 

Lui, Vincenzo, la prima generazione, è l’inimitabile presidente della Regione. Il rampollo, Piero, diventa deputato e poi sale fino a diventare vicecapogruppo del Pd alla Camera. Per la verità, c’è un altro figlio, Roberto, che a un certo punto va a fare l’assessore al bilancio al comune di Salerno. Così De Luca è uno e trino. Quella stagione meravigliosa finisce e nei mesi scorsi Elly Schlein toglie a De Luca junior il bastone del comando, ridimensionandolo a semplice deputato.

Nicola Fratoianni Elisabetta PiccolottiNICOLA FRATOIANNI ELISABETTA PICCOLOTTI

 

Dal Sud alla capitale. Michela Di Biase fa la gavetta come consigliera comunale, poi la carriera accelera. Tutto ok, compreso l’arrivo a Montecitorio nel 2022, ma naturalmente i critici incrociano quel percorso con la biografia e sottolineano un’altra data, il 2014, quando Di Biase sposa Dario Franceschini, uno dei leader del Pd, padre di sua figlia. Difficile distinguere la cifra personale dal blasone, riassunto nel titolo di Lady Franceschini che lei, va da sé, rifiuta sdegnata.

 

Anzi, lo considera un marchio degradante, «profondamente ingiusto e frutto di una cultura maschilista che vuole raccontare le donne non attraverso il loro lavoro, la loro storia, ma attraverso l’uomo che hanno accanto». Ciascuno naturalmente è libero di indossare l’interpretazione che più gli dona, ma il Palazzo coglie al volo certe armonie e simmetrie, se ne impadronisce e le trasforma in strumento di lotta fra le fazioni.

 

nicola fratoianni e elisabetta piccolottiNICOLA FRATOIANNI E ELISABETTA PICCOLOTTI

Si fa un gran parlare delle sorelle Meloni, perché accanto a Giorgia e forse anche prima di Giorgia c’è Arianna, ora uscita dalla penombra per ascendere alla segreteria di FdI. E, come se non bastasse, consorte del ministro dell’agricoltura Francesco Lollobrigida.

 

Meno accecata dai riflettori la coppia della sinistra radicale Nicola Fratoianni-Elisabetta Piccolotti, eletta deputata a Lecce nel 2022, bersagliata e pronta all’immancabile sfogo: «Su di me solo fango». Infine, casa 5 Stelle, un tempo l’impero di Beppe Grillo. Che nomina vicepresidente del Movimento suo nipote Enrico. Uno vale uno, ma se lo conosci è meglio.

vincenzo piero de lucaVINCENZO PIERO DE LUCAEMILIANO ELENA LATERZAEMILIANO ELENA LATERZA

 

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 2